News

Home / Archive by category "News"
L’INDIMENTICABILE VIAGGIO DELLA 5A TRA FIRENZE E ROMA

L’INDIMENTICABILE VIAGGIO DELLA 5A TRA FIRENZE E ROMA

 

4/8 DICEMBRE 2019

Quando sento che mi prende la depressione, torno a Firenze a guardare la cupola del Brunelleschi: se il genio dell’uomo è arrivato a tanto, allora anche io posso e devo provare a creare, agire, vivere.
(Franco Zeffirelli)

Possis nihil Urbe Roma videre maius. (Tu non potresti vedere nulla maggior di Roma)
(Orazio, Carmen Saeculare, 11,12)

Dal 4 all’8 dicembre la 5 A, con i professori Silvia Campagnoli e Camillo Novellino, ha fatto lo “storico” viaggio delle quinte alla “riscoperta della bellezza”: la bellezza ineguagliabile di due tra le più affascinanti città del mondo, Firenze e Roma; la bellezza di partecipare a eventi importanti, come l’incontro di educazione economico finanziaria con il governatore della Banca Centrale Spagnola, Pablo Hernandez de Cos e di assistere al voto di fiducia sul decreto fiscale alla Camera dei Deputati. Ma anche la bellezza dello stare insieme, compagni e professori, al di fuori della scuola, con il piacere di conversare tra amici che si capiscono e si vogliono bene. La prima tappa è stata Firenze, dove, in uno spazio circoscritto si susseguono chiese di straordinaria bellezza, musei e collezioni d’arte, giardini storici, piazze, strade, palazzi antichi: Firenze, un “museo diffuso”, non un semplice contenitore di opere d’arte, ma un’opera d’arte essa stessa” E, a completamento di tante suggestioni, non è mancata la partecipazione alla celebrazione del quindicesimo anniversario del progetto Young Factor, nel bel teatro liberty Odeon, dove Edoardo ( Dodo) portavoce della classe, ha domandato a Pablo Hernandez de Cos la sua opinione sulla tenuta delle esportazioni francesi e italiane se Trump mettesse in atto le sue minacce di dazi e “gabelle”. La lunga risposta ha spaziato dalla storia del protezionismo ai danni arrecati dal medesimo. Per il resoconto dell intervento di Pablo Hernandez de Cos sui temi economici più attuali rimandiamo a http://www.ilsole24ore.com/art/governatore-banca-spagna-riforma-mes-essenziale-l-europa-ACQnaO3

E dopo Firenze, Roma, secondo noi della 5 A la città più bella del mondo. Appena arrivati, giusto il tempo di cambiarci, e poi di corsa a Montecitorio, dove la Camera ha votato la fiducia posta dal Governo . sul decreto fiscale con 310 voti a favore e 199 contrari, poi Piazza di Spagna e Fontana di Trevi; e nei giorni successivi: San Pietro e Città del Vaticano, Piazza Navona e il Pantheon, l’Ara Pacis, il Colosseo e i Fori romani, il Quirinale e Palazzo Madama. E non ci siamo persi una divertente serata a teatro e una mostra su Bacon e Freud. E’ stato un viaggio meraviglioso, solo un po’ velato dalla malinconia di sapere che questo è stato,forse, l’ultimo dei tanti viaggi fatti insieme, per alcuni di noi, fin dalla prima.

Sofia Castelli, Matilde Provera

IL VIAGGIO DELLA 5CD A LISBONA – 4/7 DICEMBRE 2019

IL VIAGGIO DELLA 5CD A LISBONA – 4/7 DICEMBRE 2019

Per me non esistono fiori in grado di reggere il confronto con la varietà dei colori che assume Lisbona alla luce del sole.
(Fernando Pessoa)

Tra il 4 e il 7 dicembre la classe 5 CD, insieme alle professoresse Elisa Sanesi e Roberta Aghemo, si è recata in viaggio d’istruzione a Lisbona, scoprendo una città affascinante, vivace e ricca di tradizioni.

Accompagnati da un cielo limpidissimo e da temperature gradevoli, i ragazzi hanno visitato il quartiere di Belèm con l’omonima Torre, simbolo del glorioso passato marittimo del Portogallo, e l’esuberante Mosteiro dos Jerónimos, capolavoro dell’architettura manuelina, per poi salire, attraverso i colorati vicoli dell’Alfama, al Castelo de São Jorge e ammirare suggestivi tramonti. Una pausa dalle passeggiate in città, elegantemente addobbata per le Feste di Natale, e dall’allegra movida serale del quartiere del Barrio Alto ha permesso di conoscere la pittoresca cittadina di Sintra, Paesaggio Culturale UNESCO, e il suo Palácio Nacional, un tempo meta delle villeggiature estive dei reali portoghesi.

E, siccome le tradizioni vanno conosciute e rispettate fino in fondo, non è mancato proprio nulla: piatti a base di baccalà, Pastéis de Nata, un assaggio di Ginjinha e una serata in compagnia del fado!

Até breve, Lisboa!

Lezione di storia al cinema Romano

Lezione di storia al cinema Romano

Dopo un simpatico apericena insieme, mercoledì 27 novembre, studenti e professori delle due quinte si sono goduti l’ultimo capolavoro di Polanski intitolato, in Francia, “J’Accuse” e, in Italia, “L’ufficiale e la spia”. Il regista polacco porta in scena, tra film- inchiesta e spy story, l’affare Dreyfus che, come scrive il critico cinematografico Marco Romagna, “con i suoi servizi segreti deviati e con i suoi documenti falsificati ha segnato la Francia di fine Ottocento e anticipato l’antisemitismo del secolo breve”, ma che ha anche, con il “J’Accuse” di Zola, anticipato il lento e difficile spostarsi verso la verità della Stampa libera. E come non vedervi un’ anticipazione del mondo in cui viviamo, tra post-verità e fake news? Polanski vuole forse suggerire che avremmo bisogno di un novello Zola, di un nuovo J’accuse che ci riporti a un minimo di oggettività? Con questo film curatissimo nei dettagli, nei costumi, nelle scenografie, nelle inquadrature che sembrano dipinti di Manet, Pissarro, Toulouse Lautrec, Polanski costruisce un’occasione, filmicamente perfetta, di tramutare gli errori della Storia in un’opportunità morale per la nostra contemporaneità. Una serata insieme alle nostre quinte per vedere e commentare questo film: non c’era modo migliore per dare il bentornato al tema di storia all’esame di Maturità.

Foto ricordo di una settimana indimenticabile a Las Palmas

Foto ricordo di una settimana indimenticabile a Las Palmas

Pubblichiamo le migliori foto scattate dagli studenti delle nostre seconde, durante il viaggio studio a Las Palmas de Gran Canaria, dove si sono susseguite attività di preparazione alle certificazioni linguistiche, sport acquatici, laboratori linguistici con studenti dell’Istituto Mesa Y Lopez, gite alla scoperta dello stupefacente territorio dell’isola, come le dune di Maspalomas, che purtroppo stanno scomparendo per effetto dell’erosione. Un’occasione, anche, per riflettere insieme ai coetanei spagnoli sulle catastrofiche conseguenze del cambiamento climatico e per pensare a un progetto comune sulla sostenibilità ambientale.

3 percorsi unici a Torino

3 percorsi unici a Torino

L’Istituto Vittoria presenta, dal 21 al 23 novembre, a Palaruffini – Salone dell’ Orientamento per gli studenti di terza media, il Liceo Linguistico Europeo quinquennale e quadriennale e la “VIttoria International School”. Tre percorsi scolastici di scuola superiore di secondo grado riconosciuti dal MIUR, fondati sull’interscambio tra formazione umanistica e preparazione linguistico – scientifica, innovativi e unici a Torino. Presentatori d’eccezione professori e studenti del Vittoria che ringraziamo per la collaborazione. Continue reading

La risposta di Tim Cook a una studentessa del Vittoria: “Attenzione alle fake news sul clima!

La risposta di Tim Cook a una studentessa del Vittoria: “Attenzione alle fake news sul clima!

Le seconde dell’indirizzo giuridico-economico hanno festeggiato, il 3 ottobre a Firenze, insieme all’Osservatorio Giovani-Editori, i 20 anni del progetto “Il Quotidiano in classe”, che porta, dal 1999, nelle scuole superiori italiane le principali testate giornalistiche a confronto. Siamo stati invitati a partecipare, presso il teatro Odeon, all’incontro con Tim Cook, CEO di Apple, ospite d’onore dell’ Osservatorio Giovani-Editori, insieme a centinaia di studenti che hanno avuto l’opportunità di rivolgergli parecchie domande. “Se tenete troppo gli occhi sullo smartphone, se per fare questo non guardate negli occhi chi vi è vicino, state sbagliando” – dice Cook – e ancora: ” La tecnologia non è né buona né cattiva, tutto dipende dall’uso che se ne fa”. E sull’ipotesi di un giornalismo tradizionale travolto dai social network: “ C’è bisogno di una stampa libera perché ci serve un occhio critico su chi sta al potere, dobbiamo far sì che la classe dirigente renda conto di quello che fa”. La prima tra gli studenti a “rompere il ghiaccio” è una nostra studentessa, Rebecca Menarello, che dice : “ In questo momento, Mister Cook , come lei certo saprà , il tema dell’emergenza climatica è molto sentito da noi giovani. Alla mia classe, nel maggio scorso, durante una Convegno su tematiche ambientali, alla Biblioteca Nazionale di Roma, un professore dell’Università La Sapienza ha detto che non esiste nessuna emergenza climatica e che i modelli matematici dimostrano che la congettura del riscaldamento globale provocato dall’uomo è errata. Quindi, anche le notizie sul clima potrebbero essere fake news? Qual è il suo pensiero in proposito e soprattutto il suo consiglio per aiutarci a distinguere?” Risponde Cook: ” It’s a very good question”. E aggiunge che purtroppo il cambiamento climatico è reale e evidente, e che per essere sicuri che le notizie non siano fake bisogna sempre controllare l’attendibilità della fonte, in questo caso, che non vengano da scienziati che potrebbero non essere attendibili perché fanno ricerche finanziate da organismi che hanno i loro interessi da portare avanti. Le “questions” rivolte dagli studenti al CEO di Apple vertono quasi tutte sull’ambiente, a riprova che nel cuore dei giovanissimi c’è grande preoccupazione per le sorti del nostro pianeta. Il numero uno dell’azienda di Cupertino risponde entusiasta: “Mi piace che ci siano tante domande sull’ambiente”. In effetti anche negli Usa questo è uno dei punti più importanti nell’agenda dell’opinione pubblica. Al termine dell’incontro i nostri studenti, accompagnati dalle professoresse Piazza e Sanesi , hanno continuato la loro visita della bella Firenze, visita che è proseguita nella giornata successiva per una fantastica esperienza tra giornalismo, tecnologia e arte. Per loro e per i loro compagni, nei prossimi mesi l’alleanza tra Apple e Osservatorio riserverà momenti importanti in classe per capire meglio il mondo in cui vivono.

Al 39° minuto la domanda di Rebecca Menarelli e la risposta di Cook, su:
I Giovani Holden del Vittoria in Piazza For Future

I Giovani Holden del Vittoria in Piazza For Future

Tra i 50.000 giovani scesi in piazza venerdì 27 settembre, a Torino, per la manifestazione indetta da Fridays for Future, anche moltissimi studenti del Vittoria, dalle Elementari alle Medie al Liceo. Tanti giovani e giovanissimi “Holden”, come hanno detto gli organizzatori, a realizzare il magico raduno degli adolescenti, immaginato da Salinger nel 1951. Invece dei campi di segale le strade e le piazze di Torino.  Sui cartelloni e sugli striscioni slogan ironici e seri: “Anche i dinosauri pensavano di avere più tempo!”, “Ridateci le mezze stagioni!”, “ Ci avete rotto i polmoni!”, “Life in plastic is not fantastic!”, e anche:  “Vittoria for future”, il titolo   di un progetto di educazione all ’ambiente  con cui i ragazzi del liceo Vittoria hanno, nel maggio scorso, vinto un concorso internazionale a tema ecologico. “Vittoria for future” è stato lo slogan che i giovanissimi del Vittoria Junior hanno scritto in  tanti allegri colori  sullo striscione che ha aperto il corteo e che è stato  orgogliosamente portato lungo  tutto il percorso dell’onda verde.

https://torino.repubblica.it/cronaca/2019/09/27/news/torino_in_piazza_per_l_ambiente_cambiamo_il_sistema_non_il_clima_-237064897/

Le fotografie che pubblichiamo sono state realizzate dagli studenti del Vittoria.

Il World Cleanup Day, un’occasione per fare “Educazione alla cittadinanza” sul campo

Il World Cleanup Day, un’occasione per fare “Educazione alla cittadinanza” sul campo

Numerosi studenti del Vittoria, dalle medie (Vittoria junior) alle superiori (Liceo Linguistico e Vittoria International School), accompagnati da alcuni genitori e docenti, hanno aderito sabato 21 al World Cleanup Day, partecipando a una “spedizione” di pulizia del fiume Po. Gli organizzatori, Decathlon e Rachel’s Learning Centre, hanno riunito i partecipanti nella zona fluviale tra Settimo e Castiglione. Dalle 10 alle 13, i volontari del clean up, hanno raccolto,con grande serietà e impegno, una notevole quantità di immondizia, manifestando tangibilmente la loro volontà di lottare contro il littering, il crescente malcostume che vede i rifiuti gettati o abbandonati con noncuranza nelle aree pubbliche. L’evento ha avuto riscontro sui principali quotidiani e su alcune testate on line.

http://www.notiziepiemonte.it/index.php/attualita/22-ambiente-animali/7943-il-liceo-vittoria-al-world-cleanup-day

Prosegue,così, un’ attività di Educazione alla cittadinanza attiva, iniziata al Vittoria alcuni anni fa con il Progetto Europeo Comenius ” Young entrepreneurs for sustainability” e proseguito lo scorso anno con il Progetto “Vittoria for future” e la produzione in laboratorio delle bioplastiche, realizzato dalle seconde quadriennale e quinquennale italiane. Si prosegue quest’anno con il contrasto al littering nelle acque, la pessima abitudine di abbandonare i rifiuti nei fiumi, nei laghi e nel mare, con la trasformazione dei due poli scolastici Vittoria in scuole plastic free grazie all’eliminazione di bottigliette e contenitori di plastica sostituiti da borracce, e altre esperienze concrete di cittadinanza attiva sono in programma. La preside, Marcella Bodo, convinta sostenitrice della necessità di educare i giovani ad affrontare le sfide difficili delle 3 R: REDUCE, REUSE, RECYCLE, ne aggiunge una quarta che deve assolutamente precedere le altre: RESPECT. Insegnare che noi siamo: “ noi più il nostro ambiente e se non rispettiamo quest’ultimo non rispettiamo noi stessi. Si è aperta una settimana dedicata non solo al World Clean Up Day ma anche alla Giornata Internazionale della Pace e alle azioni contro il Cambiamento Climatico, Gli studenti del Vittoria hanno voluto riutilizzare i rifiuti in modo creativo scrivendo un messaggio di pace, ma la pace può esistere soltanto con il rispetto di tutti verso tutti “

L’ACCOGLIENZA DELLE CLASSI PRIME TRA CONOSCENZA DELLA SCUOLA E PARCHI DI TORINO

L’ACCOGLIENZA DELLE CLASSI PRIME TRA CONOSCENZA DELLA SCUOLA E PARCHI DI TORINO

Durante la prima settimana di scuola i “primini” del Liceo hanno avuto l’occasione di conoscersi e fare amicizia soprattutto attraverso la partecipazione a tre giornate di escursione naturalistica. Le più importanti finalità di questo progetto sono dare la possibilità agli studenti di scoprire le bellezze naturali del nostro territorio, iniziare a conoscersi e a stringere nuove amicizie e, per ultimo, ma non meno importante, incuriosirsi del mondo delle Scienze. L’attività si è svolta in parte in inglese, ed è stata progettata e realizzata dall’ insegnante di Scienze, prof.ssa Carlotta Piazza, con la collaborazione di alcuni esperti dell’Ente Parchi Torino. Docenti accompagnatori proff Piazza e Siclari, coadiuvati da una guida dell’Ente Parchi.

Nella prima giornata, presso le sponde del Po, di fronte alla diga Michelotti, si è osservato come viene gestito il fiume in città e si è confrontato lo stesso fiume in una zona più lontana dal centro urbano, nel Parco del Meisino. I ragazzi hanno provato a riconoscere i ciottoli e le principali caratteristiche del fiume e, a seguito di diverse “pescate” effettuate dalla guida, hanno potuto individuare ed identificare i macroinventebrati presenti, così da effettuare una valutazione dello stato di salute del fiume stesso. Inoltre, sulle sponde, c’è stata la possibilità di fare bird watching, valutare la ricchezza degli uccelli migratori e, presso l’isolone Bertolla, si è notata la garzaia.

La seconda giornata è stata la più impegnativa perché i ragazzi hanno preso la cremagliera Torino-Superga e affrontato una camminata di circa un’ora lungo la strada panoramica, tra i boschi della collina di Torino per valutare le differenze di vegetazione tra lato Nord e Sud .Gli studenti, divisi in gruppi, con l’ausilio di manuali, cartine geografiche e bussole hanno dovuto riconoscere alcune delle piante presenti e capire come orientarsi. Hanno osservato una particolare specie di pianta ( Quercus crenata) di cui esistono solo 5 esemplari in Piemonte. Lungo la strada si sono analizzati e riconosciuti alcuni affioramenti geologici.

L‘ ultima giornata si è svolta presso il parco storico cittadino Valentino, famoso per le essenze arboree storiche ed ornamentali. Gli studenti sono stati guidati alla valutazione delle specie autoctone e delle specie introdotte dall’uomo nel nostro ambiente. La camminata lungo il fiume Po ha stimolato le osservazioni su come l’uomo abbia cambiato e stia cambiando l’aspetto dei tratti fluviali/naturali. I ragazzi, divisi in gruppi, hanno partecipato a diversi giochi di educazione ambientale finalizzati all’osservazione ed alla sensibilizzazione.

Alla fine dell’esperienza, durante la quale gli studenti hanno dovuto collaborare, osservare, esporre insieme ed, in alcune attività, anche fidarsi del compagno, i rapporti del gruppo si sono rafforzati e ci si augura che siano state gettate le basi per lavorare in modo corretto, amichevole e proficuo per tutti.

BACK TO SCHOOL

BACK TO SCHOOL

9 settembre 2019

Per una gran parte degli studenti del Vittoria è oggi l’inizio del nuovo anno scolastico. Per gli studenti del liceo linguistico quadriennale italiano e per gli studenti della VIS è già la seconda settimana di scuola.
A tutti un affettuoso benvenuto con l’augurio di riuscire a prendere il meglio da tutte le esperienze che vivranno in questa scuola e di imparare ad apprezzare il valore inestimabile dello stare bene insieme, nella valorizzazione delle diversità di ognuno .

A TUTTE LE ALUNNE E A TUTTI GLI ALUNNI
AI GENITORI
AI DOCENTI
A TUTTO IL PERSONALE DEL VITTORIA

BUON ANNO SCOLASTICO 2019-2020 !

Marcella Margaria Bodo

OPEN DAY

19 ottobre 2019 ore 10:00 30 novembre 2019 ore 10:00 11 gennaio 2020 ore 10:00